EVASIONI CULTURALI

Lara Bellotti Agente Letterario

recensione

Recensione libro Riflessi in volo sul mare a cura di Elisabetta Bellino autrice Elisa Tardivo

Il libro di Elisa ha un’aura che si sente ancora prima di aprirlo, è uno di quei libri che prima di leggerlo, lo senti semplicemente tenendolo tra le mani. Nelle sue pagine si trova la vita in tutte le sue sfaccettature: a volte graffiante, che lascia il segno dentro l’anima; a volte leggera, in volo sul mare e verso l’infinito e oltre; a volte pesante, dura da portare come uno zaino in spalla; a volte incantevole, come solo i poeti sanno coglierla.
E’ un libro da assaporare come un buon vino, da sorseggiare pian piano, non puoi divorarlo, perchè devi prenderti il tempo di metabolizzarlo attraverso la tua anima, che senti vicina a quella dell’autrice, con la sua immensa sensibilità. Io lo definirei un libro da comodino, da aprire ogni tanto, quando senti che ti chiama.
In questo libro Elisa ci fa capire che la poesia non è solo quella degli inguaribili sognatori, ma è anche quella del fuoco che arde dentro e che deve poter uscire, un fuoco che scalda, ma che infiamma anche tutto ciò che tocca, dando tinte forti e brucianti a ciò che viviamo e che con la poesia di Elisa, viene espresso con toni intensi e decisi, che rappresentano un altro aspetto della personalità dell’autrice. Infatti Elisa non è solo un’anima intensamente sensibile, ma è anche una donna forte e tenace, che combatte le sue battaglie, anche in punta di penna, ma sempre e comunque con il cuore. Grazie.
(Elisabetta Bellino)

News eventi! Ed. Il Viandante 10 gocce d’autore al Salone del Libro del libro Torino

Video recensione da Alessio Masciulli d “Riflessi in volo sul mare” autrice Elisa Tardivo

Posted by Alessio Masciulli Edizioni Masciulli on Dienstag, 25. April 2017

Alessio Masciulli in questa bellissima video recensione, ci racconta la meraviglia di emozioni contenute nell’ultima opera di Elisa Tardivo “Riflessi in volo sul mare.”
Elisa ha il dono di trasmettere la vita con i suoi versi non convenzionali, mai banali, ma soprattutto come dice sempre lei e come cita nella sua silloge: “Non insegno come vivere, scrivo la Vita.”

Seguitela sulla sua pagina FB https://www.facebook.com/ironicafollia.Elisatardivo/?ref=br_rs

Links di acquisto : https://www.lineeinfinite.com/copia-di-lapilli
https://www.ibs.it/riflessi-in-volo-sul-mare-libro-elisa-tardivo/e/9788862471541

News! Promo mese di Maggio recensioni con intervista autore

Per chi prenoterà la recensione con intervista entro il 15/05/2017 ci sarà uno sconto di 20 euro!
Verrà effettuata la recensione libro più intervista all’autore, con la promo della stessa sui vari social quali: LinkedIn, Google+, Pagina Facebook di Evasioni culturali, Twitter. Il costo di base di questa prestazione è solitamente di 60 euro, quindi fatevi avanti e risparmiate per questo mese!
Per avere questa possibilità, e se volete altre info, dovete scrivere una mail a evasioniculturali@gmail.com con allegata biografia autore, e file da recensire.
La sottoscritta invierà insieme al file di recensione le domande scritte a cui rispondere per l’intervista, il tutto verrà pubblicato come sopra descritto.

Grazie
Lara Bellotti
Agente letterario

Recensione libro “10 gocce d’autore” a cura di Stefania Miola

A cura di Stefania Miola
(Scrittrice e recensionista)
Antologia poetica
Ed. Il Viandante
Autori vari 2017
Link d’acquisto: http://edizioniilviandante.it/libri-autori/dieci-gocce-dautore/
Book trailer : https://www.youtube.com/watch?v=0_UdlxrND-8

Apparentemente è l’ennesima raccolta di poesie di autori vari messi insieme per realizzare un libro. Ripeto apparentemente. In realtà, nulla avviene per caso.
Leggendo in una visione d’insieme i componimenti degli autori che hanno contribuito alla realizzazione dell’antologia,ci rendiamo immediatamente conto che un filo rosso unisce tutte le anime scriventi. Un filo meraviglioso intesse lentamente ordito e trama, divenendo tela di umanità ritrovata con tutti i suoi valori primordiali.
Gli autori non si conoscono ma la loro voce silenziosa si fonde all’unisono creando la voce del Mondo che abbraccia la politica della luce. Corrispondenze fra x Uni_versi per condividere un sentimento di vicinanza amorevole con il prossimo.
Ad ogni battito risponde e si sussegue un altro battito lontano. “Basta il cuore” a cancellare le distanze. Semplici parole che divengono nettare emozionale.
In una società dove si pone l’accento su tutto ciò che rappresenta la materialità, il tangibile, il visibile si contrappone al mondo invisibile e stupendo presente in ognuno di noi. La poesia diviene mezzo e strumento di creazione di un bisogno insopprimibile chiamato umanità con i suoi figli: la pace, l’amore, la non violenza, la bellezza in tutte le sfumature possibili e immaginabili. Piccole gocce che richiamano altre gocce e confluiscono nel mare, piccoli focolai che alimentano il Fuoco eterno.
In questo libro ogni autore ha spalancato le porte del suo Giardino, del suo mare chiamatelo come volete ed estrapolando alcune parole da “10 gocce d’autore” tutto questo “per sancire la fine di un tempo bastardo.”
…Se versiamo dell’acqua in bicchieri di colori diversi essa assumerà il colore del bicchiere senza cambiare la sua natura. Allo stesso modo tutti gli uomini sono fatti della stessa sostanza: l’umanità… solo chi guarda in superficie non vede la sostanziale unità del mondo e dell’umanità…
Stefania Miola

Una recensione speciale da Alessio Masciulli per “La setta delle tre erre” autore Stefano Uggè.

Una recensione speciale da Alessio Masciulli per “La setta delle tre erre” autore stefano Uggè.

Posted by Alessio Masciulli Edizioni Masciulli on Freitag, 7. April 2017

Recensione libro Tre destini… autore Andrea Righi

Con immenso piacere ho letto questo libro senza staccarmi dalle pagine e dagli eventi che scorrono tra uno spazio temporale e l’altro, ambientato tra il Nord e il Sud Italia: da Modena a Bologna, da Catania ad Agusta. Un testo che non dà tempo “da perdere” e trascina il lettore nei meandri dell’horror, del thriller, del paranormale e del giallo.
Questo è lo stile dell’autore Andrea Righi che si contraddistingue per questa miscela esplosiva, ricca nelle descrizioni, direi “cinematografica”; leggendo possiamo pensare di essere in un film che vogliamo assolutamente vedere fino alla fine.
Una delle particolarità dell’autore è: riuscire ad ambientare tutto questo in luoghi e scenari reali, e visitabili.
Non sono gli effetti speciali preconfezionati, ma bensì l’arte di Andrea a fare la differenza; un climax che parla di buio e di stelle, di ombre, luci e oscurità, sincronicità tra le vicissitudini e l’ambiente che fanno da contorno a un libro mozzafiato.
Tocca temi importanti quali la politica e la droga, sicuramente dà uno scossone ai “piani alti” che sfruttano la debolezza dell’essere umano mettendola al servizio del “Dio Denaro.”
Il messaggio che Andrea Righi vuole trasmettere è che nella vita non esiste solo l’oscurità, ma anche la luce; il contesto di “oscurità” però, è nascosto nei meandri della mente e può tranquillamente nascondersi nella luce… sta a noi saperlo riconoscere.
Non posso tralasciare infatti la parte di esoterismo contenuta in “Tre destini”, riferita soprattutto al Samhain in cui i vari personaggi sono decisamente ben intrecciati, come anche in tutto il testo; ma è in questa parte MOLTO viva del romanzo che possiamo essere rapiti ancora di più dallo stile dell’autore, insieme alla ricerca della verità di un omicidio.
Impareggiabili le storie dei personaggi: Cisco, Roberto, Anna… Matteo Ferri ( un arcangelo speciale) e tanti altri che vi lascio scoprire leggendolo; come anche impareggiabile è lo scrittore nelle descrizioni delle scene di violenza, tecnica degna di nota.
Andrea parla molto di sogni, e ci presenta una storia con un finale inatteso, diverso nella sua interpretazione, insomma un finale con il “botto” che lascio a voi lettori il piacere di scoprire e di farvi colpire così come ha colpito me.
Un autore che tra gli esordienti ritengo molto valido, per il suo stile particolare, affascinante, misterioso, ma anche molto umile nella sua personalità effettiva, peculiarità che ritengo molto importante per essere buoni scrittori.

Cit. Una parte grande del mondo credo dipenda da ciò che abbiamo dentro di noi e penso sia un peccato lasciarla al buio.
Questi solo alcuni dei… perché leggere “Tre destini”.
Lara Bellotti
Agente letterario Editor

Il libro è acquistabile presso tutte le librerie oppure seguendo i link sottostanti.

Link di acquisto:

https://www.lineeinfinite.com/copia-di-neon-light-child

https://www.ibs.it/tre-destini-libro-andrea-righi/e/9788862471527#

http://www.unilibro.it/libro/righi-andrea/tre-destini-/9788862471527

http://www.lafeltrinelli.it/fcom/it/home/pages/catalogo/searchresults.html?prkw=tre+destini+andrea+righi&cat1=1&prm=&type=1

Biografia autore:

Andrea Righi è nato a Castel­franco Emilia nel 1977. Vive a Modena con la moglie e il figlio.
Legge molto, specialmente thriller, horror e fantasy. Tra gli autori preferiti ci sono Loriano Macchiavelli, Stefano Benni, Carlo Lucarelli, Stephen King e Giorgio Faletti. Grazie a questi autori sviluppa la passione per la scrittura che coltiva da sem­pre con la spensieratezza di un hobby.
Decide di “provarci” nel 2014 quando pubblica “SAMHAIN”, il suo primo romanzo. Ha all’attivo anche un racconto, “L’alba verde”, che è stato pub­blicato in una antologia di rac­conti dedicati alla sua città, Modena. “Tre destini…” è il suo secondo romanzo.
andrearighi1977@gmail.com

Recensione de “La t@lpa muta a cura di angelo Lupo Timini autore Luca Pompei

IMG-20161125-WA0005

Recensione de “La t@lpa muta” autore Luca Pompei
A cura di Angelo Lupo Timini (scrittore)

Ho trovato così bella e veritiera questa recensione di Angelo Lupo Timini, che ci tenevo a pubblicarla e lo ringrazio per avermene dato il permesso.

Ciao Luca, ho terminato ieri La Talpa Muta. Eccomi qui.
Bravo. Un gran bel libro.
Non sembra un romanzo d’esordio, e in fondo non lo è, tanta la maturità che esprime.
Aggrovigli matasse e dipani. Scandagli le pieghe dell’anima. Le intercapedini di vita e delle relazioni.
Siamo cielo e tombino. Un compromesso per fuggire dal dolore, rimestandolo. Dandogli così, ogni volta, una maschera nuova.
Nessuno si salva e, forse, così si salvano un po’ tutti.
La Talpa Muta, Marzia, Il Professor Blasi, Chiara, Solvetti. Orlando. La scena, solo apparentemente minore, in cui rovista i cassonetti di notte è un colpo la cuore, come il dribbling del secondo gol di Milito a Madrid.
La storia avvolge, il tratto asciutto pennella personaggi e sentimenti.
Un collo di bottiglia inghiotte marionette e pupari.
In fondo racconti il drammatico rapporto con l’Altro da Sè.
Quello che si sarebbe voluto essere, quello che si detesta. Quello che si ama. Quello che gli altri. Quello che non avremmo mai immaginato.
Non c’è una morale, solo lo scorrere crudo delle cose.
Un paio di notazioni strettamente personali, a conferma della premessa.
C’era cosi tanta bella roba che sul finale avrei asciugato. E, poi, avresti meritato una confezione del libro migliore. Ma questo lo sai anche tu.
Piccoli dettagli di un’opera davvero riuscita. Ancora bravo e congratulazioni. Auguro a Te e alla Talpa Muta ogni migliore successo. A naso più cinema che teatro.
E, poi, … cumuli di immondizia umana e scarabocchi di vita… da soli avrebbero giustificato il prezzo del biglietto.

Angelo Lupo Timini

Recensione e intervista all’autrice Elisa Tardivo “Riflessi in volo sul mare”

cover elisa tardivo

Recensione di “Riflessi in volo sul mare” Autrice Elisa Tardivo
Edizioni Linee Infinite 2016
Collana Poetry
Genere Poesia
http://www.lineeinfinite.com

Quando si dice che la poesia è vita, è pura essenza di chi la scrive; in modo non banale, ma aperto come una finestra sull’Universo: è la prima riflessione che mi sovviene dopo aver letto questa raccolta di Elisa Tardivo “Riflessi in volo sul mare”.
Un insieme di consapevolezza, frammenti di vita, attimi riflessivi spesso commoventi.
Pane per l’anima, in cui ogni lettore, dal più giovane al più adulto, può trovare o ri-trovare sé stesso, fare propria una sua frase ogni giorno, e anche tutto il libro, perché questo è successo a me leggendola.
L’autrice, con il suo stile e il suo grande dono della scrittura, riesce a trasmettere il sentire di ogni singolo brano inciso sulla carta, la conseguenza è che poi tutto si incide nei cuori di chi la legge, al punto di volerla rileggere più volte.
Un testo con i “riflessi del mare” suo grande ispiratore, non lascia spazio al nascondersi, ma bensì al librarsi come i gabbiani, in piena libertà lei scrive e suscita questo senso di liberazione e cambiamento anche nel lettore.
Elisa Tardivo è commovente perché fa riflettere con la sua poesia contemporanea, in riguardo a qualsiasi frangente di vita, senza mezzi termini, pura, si presenta al pubblico così com’è: una donna che ha vissuto la vita e la vive con una prospettiva diversa, che va oltre i limiti, oltre il razionale pensiero, ogni aspettativa che si può avere, le apparenze, oltre ogni giudizio. Incondizionata.
Questo è il suo stile, a tratti anche ironico, determinato, forte e nello stesso tempo intriso di dolcezza e passione in cui l’anima fa da padrona.

CIT.
L’anima è un laboratorio dove si fa la “prova” colori.

Chi non ama o non si è mai avvicinato alla poesia lo può fare con quest’opera, profondo scrigno di poesie e riflessioni, e può dare libera interpretazione di ciò che sono i suoi significati in base alle proprie esperienze di vita.
Un’autrice che vuole dare non uno, ma tanti messaggi, e li lascio scoprire a voi leggendola. L’unico rischio che correte è quello di innamorarvi della poesia di Elisa Tardivo e della vita che trasmette.
Un libro da tenere sempre sul comodino!

Lara Bellotti
Agente letterario

13010870_1031173540304560_6320046010197460928_n

Biografia.
Elisa Tardivo (1974) vive in un piccolo paese della provincia di Padova. Impiegata, Master Reiki, madre di due figlie. Scrive da sempre ma solo da qualche anno ha preso il coraggio di pubblicare i propri pensieri e le poesie. Riflessi in volo sul mare è la sua quarta pubblicazione.
Possiede una pagina su Facebook di oltre 15.000 fans.
Il suo pseudonimo, Ironicafollia, è ciò che più la rappresenta, e spiega la necessità dell’anima di raccontarsi e raccontare ciò che percepisce dalle emozioni che la circondano.

Trovate il testo su tutti gli store on line, sul sito http://www.lineeinfinite.com e ordinabile in qualsiasi libreria.

INTERVISTA.

Ora conosciamo un po’meglio Elisa, nelle sue sfaccetature , con la sua bellissima personalità, espansiva e …come si dice… pane al pane vino al vino, con la sua spontaneità!

-Ciao Elisa, parlaci un po’ di te, come e quando nasce la tua passione per la scrittura?

R. Nasce alle scuole medie, al tempo con la prof. Caddeo (ricordo persino il nome ), iniziammo a studiare grandi poeti come Pascoli, Ungaretti, Leopardi Foscolo ecc, e ci diede un compito per casa: scegliere uno degli stili e ricrearlo in una nostra composizione. Io amavo Leopardi per tanto la scelta logica dovrebbe esser stato lui, e invece scelsi Pascoli. Lo scelsi perché colpita dal non uso della punteggiatura (lui come altri). Beh, morale… il giorno dopo la prof. mi disdegnò davanti a tutti perché a suo avviso, avevo scelto lui per non fare la fatica di usare la punteggiatura, insomma insinuò che così è più semplice. Continuò dicendomi che non potevo permettermi di emulare un simile genio senza aver imparato a scrivere! Da notare la sua incoerenza nelle affermazioni: prima era facile poi è un genio!
Diverbio a parte, fu il mio LA, diventò una sfida in primis con me stessa!

-Chi è nella realtà di ogni giorno Elisa?

R. Chi sono? Semplice, ironicafollia!

-Quali le emozioni che hai provato scrivendo e poi rileggendoti?

R. Sono difficili da spiegare. La prima reazione è stata ridere e piangere contemporaneamente.
La seconda fu dire a me stessa, azz però, quanto scrivo! La terza è stata ammettere a me stessa che non sono niente male!

-Cosa ti ha spinta a scrivere un testo così importante, e qual è il messaggio che vuoi trasmettere a tutti, attualmente più che mai riversati quasi nell’ignoto futuro di questa società.

R. Scrivere per me è una necessità d’anima, inserirli dentro un’opera così importante la sua conseguenza. I messaggi sono molteplici quali speranza, amore, rinascita, uno sprono a viaggiare dentro sé stessi dando voce alle proprie emozioni.

-Una domanda a bruciapelo: quale libro riposa sul tuo comodino attualmente? E quale non leggeresti mai?

R. Sono 3 per l’esattezza: “Negli occhi dello sciamano” di H. Mamami, “Guerrieri di luce” di P. Coelho, “Il profeta” di Gibran.
Non leggerei mai un romanzo d’amore o un erotico come le 50 sfumature di grigio.

– Leggendo mi tocca l’anima, la stessa forse di chi lo ha scritto, e di chi lo leggerà, qual è e com’è il tuo rapporto con la poesia e perché secondo te ancora non è del tutto ben apprezzata?

R. Per me la poesia è Anima liquida che si imprime in un foglio bianco ed io con lei ci faccio l’amore elevandomi. Credo che sia questo il motivo per cui non è totalmente apprezzata, perché per affrontare la verità emozionale che è dentro noi devi avere le palle!

-Se tu fossi una delle tue poesie… in quale ti rispecchi di più? (senza svelare troppo!)

R. a dire il vero mi rivedo in ogni mio scritto, ma “Come un gabbiano” esprime più che mai il mare nelle sue stagioni che porto sempre dentro me.

– Hai già altri progetti letterari in cantiere per stupirci nuovamente?

R. Sì, sto lavorando con la mia editor, per la nuova uscita di un’altra silloge, ma non svelo nulla per ora.

Seguitela sulla sua pagina Facebook —-> http://www.facebook.com/ironicafollia.Elisatardivo/?ref=ts&fref=ts

Contest letterario Edizioni “IlViandante” Simona Veresani 2 classificata inediti

IMG-20161211-WA0018

La casa editrice “IlViandante”, ponendosi come obiettivo la valorizzazione di giovani talenti letterari, organizza la seconda edizione del talent letterario “Amici del Viandante”.
La manifestazione si prefigge lo scopo di selezionare scrittori dalle elevate capacità artistiche da lanciare nel panorama letterario nazionale.
Pubblicare un libro per molti è un hobby, un passatempo, uno sfizio o un momento di auto-celebrazione. Per noi è un modo di fare arte e come tale riteniamo necessario valutare il complesso “autore-libro” e non solo il testo.
Non si può stare con le mani in mano ad aspettare il successo, ma un testo va promosso dal proprio autore insieme all’editore che, come logica conseguenza, dovrà essere anche un buon scopritore di talenti non solo nello scrivere ma anche nella voglia di far parte di un mondo magico, ma complesso.
In quest’ottica, il talent “Amici del Viandante” si propone di portare all’attenzione del pubblico, autori che scrivono in maniera eccellente, ma che in maniera altrettanto valida riescono a promuovere ciò che scrivono

L’evento è stato il 3 Dicembre svolto presso l’Auditorium Petruzzi (Pescara)

Seguite edizioni IlViandante su Facebook ——> http://www.facebook.com/Edizioni-IlViandante-874230742626831/

IMG-20161211-WA0018

15284813_1144473695602533_1264685937965476754_n

15327291_1144475688935667_4958189471184872328_n

15356598_1144472575602645_203529112293778063_n

15401178_1154439071272662_6704770439519300893_n

IMG-20161203-WA0009

IMG-20161211-WA0016

IMG-20161211-WA0017

1 2