EVASIONI CULTURALI

Lara Bellotti Agente Letterario

Riflessi in volo sul mare

Evento in programma: Presentazione della silloge “Dieci gocce d’autore” Reggio Emilia

Venerdì 16 giugno dalle ore 17:30 alle ore 19:00
Biblioteca San Pellegrino
Via Rivoluzione d’Ottobre, 29, 42123 Reggio nell’Emilia
Presentazione della silloge “Dieci gocce d’autore”. Modera l’evento la curatrice del volume Lara Bellotti con le poetesse Sabrina Spadaccini ed Elisa Tardivo

Recensione libro Riflessi in volo sul mare a cura di Elisabetta Bellino autrice Elisa Tardivo

Il libro di Elisa ha un’aura che si sente ancora prima di aprirlo, è uno di quei libri che prima di leggerlo, lo senti semplicemente tenendolo tra le mani. Nelle sue pagine si trova la vita in tutte le sue sfaccettature: a volte graffiante, che lascia il segno dentro l’anima; a volte leggera, in volo sul mare e verso l’infinito e oltre; a volte pesante, dura da portare come uno zaino in spalla; a volte incantevole, come solo i poeti sanno coglierla.
E’ un libro da assaporare come un buon vino, da sorseggiare pian piano, non puoi divorarlo, perchè devi prenderti il tempo di metabolizzarlo attraverso la tua anima, che senti vicina a quella dell’autrice, con la sua immensa sensibilità. Io lo definirei un libro da comodino, da aprire ogni tanto, quando senti che ti chiama.
In questo libro Elisa ci fa capire che la poesia non è solo quella degli inguaribili sognatori, ma è anche quella del fuoco che arde dentro e che deve poter uscire, un fuoco che scalda, ma che infiamma anche tutto ciò che tocca, dando tinte forti e brucianti a ciò che viviamo e che con la poesia di Elisa, viene espresso con toni intensi e decisi, che rappresentano un altro aspetto della personalità dell’autrice. Infatti Elisa non è solo un’anima intensamente sensibile, ma è anche una donna forte e tenace, che combatte le sue battaglie, anche in punta di penna, ma sempre e comunque con il cuore. Grazie.
(Elisabetta Bellino)

Evento in programma: Presentazione “Riflessi in volo sul mare” autrice Elisa Tardivo

Lieta anche questa volta di essere presente, e di moderare il secondo evento di Elisa Tardivo!
Sabato 18 Marzo 2017 dalle 17 alle 18, Presso Auditorium Di Marasango Campo San Martino (Padova) siamo liete di presentarVi la sua ultima opera “Riflessi in volo sul mare” ED. Linee Infinite.

Trovate l’evento a questo link ———-> https://www.facebook.com/events/268319303611358/269335973509691/?notif_t=admin_plan_mall_activity&notif_id=1489517096168383

BIOGRAFIA AUTRICE:
Elisa Tardivo (1974) vive in un piccolo paese della provincia di Padova. Impiegata, Master Reiki, madre di due figlie. Scrive da sempre ma solo da qualche anno ha preso il coraggio di pubblicare i propri pensieri e le poesie. Riflessi in volo sul mare è la sua quarta pubblicazione.
Possiede una pagina su Facebook di oltre 15.000 fans.
Il suo pseudonimo, Ironicafollia, è ciò che più la rappresenta, e spiega la necessità dell’anima di raccontarsi e raccontare ciò che percepisce dalle emozioni che la circondano.

Lara Bellotti
Agente letterario.

Recensione e intervista all’autrice Elisa Tardivo “Riflessi in volo sul mare”

cover elisa tardivo

Recensione di “Riflessi in volo sul mare” Autrice Elisa Tardivo
Edizioni Linee Infinite 2016
Collana Poetry
Genere Poesia
http://www.lineeinfinite.com

Quando si dice che la poesia è vita, è pura essenza di chi la scrive; in modo non banale, ma aperto come una finestra sull’Universo: è la prima riflessione che mi sovviene dopo aver letto questa raccolta di Elisa Tardivo “Riflessi in volo sul mare”.
Un insieme di consapevolezza, frammenti di vita, attimi riflessivi spesso commoventi.
Pane per l’anima, in cui ogni lettore, dal più giovane al più adulto, può trovare o ri-trovare sé stesso, fare propria una sua frase ogni giorno, e anche tutto il libro, perché questo è successo a me leggendola.
L’autrice, con il suo stile e il suo grande dono della scrittura, riesce a trasmettere il sentire di ogni singolo brano inciso sulla carta, la conseguenza è che poi tutto si incide nei cuori di chi la legge, al punto di volerla rileggere più volte.
Un testo con i “riflessi del mare” suo grande ispiratore, non lascia spazio al nascondersi, ma bensì al librarsi come i gabbiani, in piena libertà lei scrive e suscita questo senso di liberazione e cambiamento anche nel lettore.
Elisa Tardivo è commovente perché fa riflettere con la sua poesia contemporanea, in riguardo a qualsiasi frangente di vita, senza mezzi termini, pura, si presenta al pubblico così com’è: una donna che ha vissuto la vita e la vive con una prospettiva diversa, che va oltre i limiti, oltre il razionale pensiero, ogni aspettativa che si può avere, le apparenze, oltre ogni giudizio. Incondizionata.
Questo è il suo stile, a tratti anche ironico, determinato, forte e nello stesso tempo intriso di dolcezza e passione in cui l’anima fa da padrona.

CIT.
L’anima è un laboratorio dove si fa la “prova” colori.

Chi non ama o non si è mai avvicinato alla poesia lo può fare con quest’opera, profondo scrigno di poesie e riflessioni, e può dare libera interpretazione di ciò che sono i suoi significati in base alle proprie esperienze di vita.
Un’autrice che vuole dare non uno, ma tanti messaggi, e li lascio scoprire a voi leggendola. L’unico rischio che correte è quello di innamorarvi della poesia di Elisa Tardivo e della vita che trasmette.
Un libro da tenere sempre sul comodino!

Lara Bellotti
Agente letterario

13010870_1031173540304560_6320046010197460928_n

Biografia.
Elisa Tardivo (1974) vive in un piccolo paese della provincia di Padova. Impiegata, Master Reiki, madre di due figlie. Scrive da sempre ma solo da qualche anno ha preso il coraggio di pubblicare i propri pensieri e le poesie. Riflessi in volo sul mare è la sua quarta pubblicazione.
Possiede una pagina su Facebook di oltre 15.000 fans.
Il suo pseudonimo, Ironicafollia, è ciò che più la rappresenta, e spiega la necessità dell’anima di raccontarsi e raccontare ciò che percepisce dalle emozioni che la circondano.

Trovate il testo su tutti gli store on line, sul sito http://www.lineeinfinite.com e ordinabile in qualsiasi libreria.

INTERVISTA.

Ora conosciamo un po’meglio Elisa, nelle sue sfaccetature , con la sua bellissima personalità, espansiva e …come si dice… pane al pane vino al vino, con la sua spontaneità!

-Ciao Elisa, parlaci un po’ di te, come e quando nasce la tua passione per la scrittura?

R. Nasce alle scuole medie, al tempo con la prof. Caddeo (ricordo persino il nome ), iniziammo a studiare grandi poeti come Pascoli, Ungaretti, Leopardi Foscolo ecc, e ci diede un compito per casa: scegliere uno degli stili e ricrearlo in una nostra composizione. Io amavo Leopardi per tanto la scelta logica dovrebbe esser stato lui, e invece scelsi Pascoli. Lo scelsi perché colpita dal non uso della punteggiatura (lui come altri). Beh, morale… il giorno dopo la prof. mi disdegnò davanti a tutti perché a suo avviso, avevo scelto lui per non fare la fatica di usare la punteggiatura, insomma insinuò che così è più semplice. Continuò dicendomi che non potevo permettermi di emulare un simile genio senza aver imparato a scrivere! Da notare la sua incoerenza nelle affermazioni: prima era facile poi è un genio!
Diverbio a parte, fu il mio LA, diventò una sfida in primis con me stessa!

-Chi è nella realtà di ogni giorno Elisa?

R. Chi sono? Semplice, ironicafollia!

-Quali le emozioni che hai provato scrivendo e poi rileggendoti?

R. Sono difficili da spiegare. La prima reazione è stata ridere e piangere contemporaneamente.
La seconda fu dire a me stessa, azz però, quanto scrivo! La terza è stata ammettere a me stessa che non sono niente male!

-Cosa ti ha spinta a scrivere un testo così importante, e qual è il messaggio che vuoi trasmettere a tutti, attualmente più che mai riversati quasi nell’ignoto futuro di questa società.

R. Scrivere per me è una necessità d’anima, inserirli dentro un’opera così importante la sua conseguenza. I messaggi sono molteplici quali speranza, amore, rinascita, uno sprono a viaggiare dentro sé stessi dando voce alle proprie emozioni.

-Una domanda a bruciapelo: quale libro riposa sul tuo comodino attualmente? E quale non leggeresti mai?

R. Sono 3 per l’esattezza: “Negli occhi dello sciamano” di H. Mamami, “Guerrieri di luce” di P. Coelho, “Il profeta” di Gibran.
Non leggerei mai un romanzo d’amore o un erotico come le 50 sfumature di grigio.

– Leggendo mi tocca l’anima, la stessa forse di chi lo ha scritto, e di chi lo leggerà, qual è e com’è il tuo rapporto con la poesia e perché secondo te ancora non è del tutto ben apprezzata?

R. Per me la poesia è Anima liquida che si imprime in un foglio bianco ed io con lei ci faccio l’amore elevandomi. Credo che sia questo il motivo per cui non è totalmente apprezzata, perché per affrontare la verità emozionale che è dentro noi devi avere le palle!

-Se tu fossi una delle tue poesie… in quale ti rispecchi di più? (senza svelare troppo!)

R. a dire il vero mi rivedo in ogni mio scritto, ma “Come un gabbiano” esprime più che mai il mare nelle sue stagioni che porto sempre dentro me.

– Hai già altri progetti letterari in cantiere per stupirci nuovamente?

R. Sì, sto lavorando con la mia editor, per la nuova uscita di un’altra silloge, ma non svelo nulla per ora.

Seguitela sulla sua pagina Facebook —-> http://www.facebook.com/ironicafollia.Elisatardivo/?ref=ts&fref=ts