EVASIONI CULTURALI

Lara Bellotti Agente Letterario

Stefano Uggè

Evento in programma: Presentazione de “La setta delle tre erre” 19 Maggio 2017 con Giulia Segreti e Barone Mark Kheel

Un nuovo straordinario evento ci attende per l’autore Stefano Uggè, il 19 Maggio 2017 ore 18 presso Librerie coop San Giovanni Teatino (Chieti).
Una serata all’insegna del mondo del noir, del thriller, del mistero e del paranormale, “La setta delle tre erre” il suo must del momento edito da Linee Infinite, con letture eseguite da 2 doppiatori professionisti: Giulia Segreti e Barone Mark Kheel. Clikkate qui per l’evento ———–> https://www.facebook.com/events/1485620984842257/

Una recensione speciale da Alessio Masciulli per “La setta delle tre erre” autore Stefano Uggè.

Una recensione speciale da Alessio Masciulli per “La setta delle tre erre” autore stefano Uggè.

Posted by Alessio Masciulli Edizioni Masciulli on Freitag, 7. April 2017

Novità! Lara Bellotti e altri autori nell’antologia “E DOPO?” della Casa editrice Le mezzelane per la popolazione colpita dal terremoto.

E DOPO COVER

“E dopo?” è una raccolta antologica voluta dalla casa editrice Le Mezzelane di Rita Angelelli per la ricostruzione della biblioteca di Pieve Torina (in provincia di Macerata) che ha subito gravi danni per il terremoto.
Fra gli autori ci sono anche io con una raccolta di citazioni e poesia dal titolo “E dopo?”
Si può avere la versione digitale con un contributo di soli 2 euro, per contribuire alla ricostruzione andate su Amazon ———-> https://www.amazon.it/E-dopo-Aa-Vv-ebook/dp/B01N31DNLU/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1485281567&sr=1-1&keywords=e+dopo+le+mezzelane

Oppure qui———-> http://e-dopo.webnode.it/dona-anche-tu/

Nell’antologia sono compresi molti autori con racconti diversi e per ogni gusto letterario, alcuni già editi con molti testi, e alcuni esordienti!
Diamo voce alla solidarietà fattibile anche con un libro!

Si ringraziano gli autori tutti, che si sono prestati con la loro anima scrivente. Qui alcuni titoli e autori dell’antologia:

“L’angelo venuto dal mare”
Umberta Di Stefano

“Scarpe rosse”
Simona Veresani

“Quel giorno”
Nadia Toffolutti

“Il vento buono”
Bonicar (Franco Carboni)

“La coccinella”
Stefania Miola

“E dopo?”
Lara Bellotti

“Di pregevole fattura”
Massimo Mauro

“Poche storie”
Stefano Uggè

Non ci possiamo occupare di tutti, non ne abbiamo le forze, ma di qualcuno sì, in particolare di Pievetorina (Mc), comune che stava allestendo la nuova biblioteca proprio poco prima del terremoto, mentre ora l’agibilità dei locali è stata dichiarata al 2%.
Abbiamo chiesto agli scrittori di donare un racconto e li abbiamo raccolti in una antologia, che abbiamo pubblicato solo in ebook per ridurre al minimo le spese vive. Invieremo l’ebook a chi farà una donazione da 2 euro in su.
La raccolta fondi durerà tre mesi a partire dal 1° gennaio 2017; l’intera somma verrà destinata all’acquisto dei libri che la biblioteca ci indicherà. Le mezzelane editrice.

Reading al Kontrofabbrika, Simona Veresani, Luca Pompei, Stefano Uggè, Italo Diodato. Kfk Chieti

P_20161216_223233

Simona Veresani, ex corsista di “Time Machine” , corso di scrittura creativo di KFK Project curato dall’inimitabile e talentuoso Luigi Marrone, è arrivata seconda alla finale narrativa del Talent Letterario “Amici del viandante” a Pescara.
Il Circolo letterario di KFK Project ha battezzato la nuova coppia letteraria Simona Veresani ed Italo Diodato.
Stanno riscuotendo grande successo grazie alla perfetta sinergia creatasi tra i due scrittori.
Durante la serata, a seguire, le letture di Stefano Uggè autore del thriller noir “La setta delle tre erre” Ed. Linee Infinite, e Luca Pompei autore del thriller “La t@lpa muta” Ed. MR editori.

L’obiettivo di KONTROFABBRIKA è valorizzare l’individuo restituendogli gli strumenti per vivere in piena autonomia e secondo le proprie inclinazioni e desideri.
Non è un caso che KONTROFABBRIKA nasca proprio in un periodo di stravolgimento socio economico e di totale precarietà, periodo in cui si avverte la necessità di reinventarsi dopo aver perso tutti i punti di riferimento esistenziali.
Il boom economico, la produzione in serie e il consumismo, hanno creato l’illusoria concezione che la felicità si misuri sull’acquisizione di cose materiali e completamente esterne all’individuo, che pertanto si aliena.

KONTROFABBRIKA intende invertire questo processo, riportandp l’individuo al centro della sua esistenza e riconsegnando nelle sue mani il proprio destino.
Attraverso laboratori di produzione, progetti, convegni e iniziative varie, KONTROFABBRIKA mira a restituire all’individuo un patrimonio di conoscenze perdute, mettendolo in condizione di scoprire talenti e attitudini che lo rendono nuovamente un “individuo utile” e, come tale, sicuro di sé e completamente autonomo.
Così facendo, la precarietà si tramuta in terreno fertile sul quale potersi esprimere appieno e poter ricostruire un’esistenza serena e appagante, in linea con la propria natura.

Seguiteli su Facebook ——> https://www.facebook.com/kfkproject/

P_20161216_223428

P_20161216_225640

P_20161216_230059

IMG-20161216-WA0002

P_20161216_214226

P_20161216_214335

P_20161216_214650

P_20161216_215724

Recensione libro “La setta delle tre erre” autore stefano Uggè

cover nuova la setta

Un Romanzo Noir al quale posso dare definizione di completezza, ambientato nella Torino “magica”, in cui si svolgono vicissitudini da brivido, un “infuso” tra realtà e surreale. Si comincia con l’anno 2020, quindi in ciò che per noi è futuro, nel testo appartiene al presente, che però nello stesso tempo, si rivolge ad un passato non sconosciuto, ma del quale si fa riferimento poi attraverso le vicende dei protagonisti. Incontri che possono sembrare normali, ma che di normalità poi nulla hanno, in quanto legati ad eventi vissuti o ancora da vivere attraversando la città ed i suoi “meandri magici”. Sandro, Caterina e Simone sono i personaggi principali di questo viaggio tra sogno e realtà, verità o menzogna, seguono a determinare la bellezza di questo Noir, tutti gli altri componenti della storia che sicuramente avranno di che stupire il lettore, trascinandolo come parte integrante nello scritto stesso scorrendo ogni pagina. L’autore Stefano Uggè, ha creato questa opera ben dettagliata e sensibilmente legata all’ambiente in cui tutto si svolge, sono forti le sensazioni, impressioni, e gli stati d’animo che scaturiscono da questo scritto, in quanto ogni singolo gesto, parola o frase dei protagonisti è altamente legata alla sede ambientale in cui si svolgono rituali, casi particolari, situazioni e scene forse a volte conosciute per “sentito dire”, ma effettivamente vissute, o possibilmente vivibili, pur essendo esperienze forti e “misticamente” legate un po’ ad ognuno di noi, se pur anche in piccoli contesti di vita. Passiamo dall’evento vissuto in una stanza sotterranea di Torino durante l’anno 1998, per trovarci subito dopo nel 2020 a vivere il legame con l’evento del passato. Probabilmente al lettore potrà sembrare di perdersi con gli spazi temporali in cui si svolgono le vicende, ma leggendo con attenzione comprenderà tutto chiaramente. Troviamo il presente quindi nell’anno 2020, ma non diamo per scontato nulla, in realtà il vero protagonista emerge a metà dello scritto, chi sarà? E quale sarà il suo ruolo? Lascio ovviamente scoprire la risposta ai lettori, che non potranno che essere “scaldati” da questo Romanzo, in cui l’autore Stefano Uggè, come sua particolarità di scrittore, lascia il “finale aperto”, quindi libera l’immaginazione di chi lo legge.
La sintesi è che questo libro, così forte, così ben descritto e avvincente può diventare un Best Seller, ed essere sicuramente proposto con la prospettiva di crearne un film vero e proprio.

Biografia autore:

Stefano Uggè nasce a Lodi il 15 giugno 1974. Nell’estate del 2006 divora “On writing”, l’autobiografia di Stephen King.
Per merito di quel libro si ac­cende in lui qualcosa che era rimasto fin ad allora accanto­nato in un angolo remoto della sua personalità: la voglia di scrivere. Un po’ per gioco e un po’ per sfida personale, scrive il suo primo racconto: “Il castello” che viene incluso nell’antologia del Premio Logos, II edizione. Nel 2008 pubblica il suo primo libro “Poche storie”, una raccolta di racconti noir in bilico tra reale e surreale. Seguono: “Il taglio perfetto”, “Gallerie” e “La ferita”, racconti pubblicati sul web. Nel 2016 pubblica il suo primo romanzo “La Setta delle Tre Erre”.

Per l’acquisto potete ordinarlo in qualsiasi libreria d’Italia, oppure sul web, e sul sito http://www.lineeinfinite.com

Lara Bellotti agente letterario
evasioniculturali@gmail.com

Presentazione “La setta delle tre erre” domenica 4 settembre 2016

locandina_setta_tre_erre

Linee Infinite è lieta di presentarVi la nuova uscita del romanzo di Stefano Uggè, il Thriller noir “La setta delle tre erre” presso il Caffè Letterario a Lodi Via Fanfulla,3 il 4 settembre ore 16:30.

“La Setta delle Tre Erre” ha tutti gli ingredienti del romanzo noir, è ambientato a Torino,
tra le strade e le campagne di una città misteriosa, tra le bellezze severe di monumenti av­volti da un alone di magia nera.
Sandro e Katy, due giovani rappresentanti, si sono appena incontrati nella capitale pie­montese quando, all’improvviso, vengono catapultati in un susseguirsi di eventi inaspetta­ti, difficili da interpretare attraverso una lettura razionale.
Dietro queste strane vicende si nasconde Vincenzo, un uomo malvagio e potente, capo su­premo di una setta satanica che svolge i suoi macabri rituali nei sotterranei del tempio della Gran Madre di Dio.
Un romanzo avvincente, ricco di colpi di scena, che vi terrà con il fiato sospeso.

Stefano Uggè nasce a Lodi il 15 giugno 1974. Nell’estate del 2006 divora “On writing”, l’autobiografia di Stephen King.
Per merito di quel libro si ac­cende in lui qualcosa che era rimasto fin ad allora accanto­nato in un angolo remoto della sua personalità: la voglia di scrivere. Un po’ per gioco e un po’ per sfida personale, scrive il suo primo racconto: “Il castello” che viene incluso nell’antologia del Premio Logos, II edizione. Nel 2008 pubblica il suo primo libro “Poche storie”, una raccolta di racconti noir in bilico tra reale e surreale. Seguono: “Il taglio perfetto”, “Gallerie” e “La ferita”, racconti pubblicati sul web. Nel 2016 pubblica il suo primo romanzo “La Setta delle Tre Erre”.

Presentazione “La setta delle tre erre” 3 Settembre 2016

cover per 3 settembre la setta

L’autore stefano Uggè ci propone il suo romanzo in ristampa con la Casa editrice Linee Infinite! Trovate qui il programma degli eventi, oppure sul sito http://www.lineeinfinite.com/
Partecipazione del Resp.le editoriale Simone Draghetti e Lara Bellotti agente letterario

“La Setta delle Tre Erre” ha tutti gli ingredienti del romanzo noir, è ambientato a Torino,
tra le strade e le campagne di una città misteriosa, tra le bellezze severe di monumenti av­volti da un alone di magia nera.
Sandro e Katy, due giovani rappresentanti, si sono appena incontrati nella capitale pie­montese quando, all’improvviso, vengono catapultati in un susseguirsi di eventi inaspetta­ti, difficili da interpretare attraverso una lettura razionale.
Dietro queste strane vicende si nasconde Vincenzo, un uomo malvagio e potente, capo su­premo di una setta satanica che svolge i suoi macabri rituali nei sotterranei del tempio della Gran Madre di Dio.
Un romanzo avvincente, ricco di colpi di scena, che vi terrà con il fiato sospeso.

Video recensione “La setta delle tre erre”

Book trailer “Poche Storie”

Biografia

Stefano Uggè nasce a Lodi il 15 giugno 1974.
Sin dalle scuole medie mostra di avere grande fantasia e si cimenta con i propri compagni di classe a scrivere piccole parodie di film o di canzoni, per puro divertimento. Nel tempo libero legge i racconti di E.A. Poe e qualche libro di fantascienza. Attorno ai 18 anni scopre la passione per Stephen King, ma distratto dai divertimenti adolescenziali (playstation, amici, calcio…) accantona il piacere di scrivere.
Nell’estate del 2006 divora “ON WRITING”, l’autobiografia di S. King. Grazie a quel libro, infatti, si riaccende in lui qualcosa che forse non si era mai del tutto spento, ma era stato solo accantonato in un angolo remoto della sua personalità.
Un po’ per gioco e un po’ per sfida personale, scrive il suo primo racconto : “IL CASTELLO” che viene incluso nell’antologia del Premio Logos II edizione, come uno dei migliori racconti del concorso letterario.
Successivamente scrive altri racconti che pubblica sul web: “IL TAGLIO PERFETTO”, “GALLERIE”, “LA FERITA”.
Nel 2016 pubblica il suo primo romanzo, edito da “Linee Infinite” intitolato “LA SETTA DELLE TRE ERRE”, e la raccolta Noir “POCHE STORIE”

Recensione racconto “Il castello” tratto dal libro “Poche storie”

copertina ufficiale poche storie

RECENSIONE DEL RACCONTO “Il Castello” Tratto dal libro POCHE STORIE

Autore Stefano Uggè

BIOGRAFIA
Stefano Uggè nasce a Lodi il 15 giugno 1974.
Sin dalle scuole medie mostra di avere grande fantasia e si cimenta con i propri compagni di classe a scrivere piccole parodie di film o di canzoni, per puro divertimento. Nel tempo libero legge i racconti di E.A. Poe e qualche libro di fantascienza. Attorno ai 18 anni scopre la passione per Stephen King, ma distratto dai divertimenti adolescenziali (playstation, amici, calcio…) accantona il piacere di scrivere. Nell’estate del 2006 divora “ON WRITING”, l’autobiografia di S. King. Grazie a quel libro, infatti, si riaccende in lui qualcosa che forse non si era mai del tutto spento, ma era stato solo accantonato in un angolo remoto della sua personalità. Un po’ per gioco e un po’ per sfida personale, scrive il suo primo racconto : “IL CASTELLO” che viene incluso nell’antologia del Premio Logos II edizione, come uno dei migliori racconti del concorso letterario. Nel 2008 pubblica il suo primo libro “POCHE STORIE”, una piccola raccolta di racconti noir in bilico tra reale e surreale.
Successivamente scrive altri racconti che pubblica sul web: “IL TAGLIO PERFETTO”, “GALLERIE”, “LA FERITA”.
Nel 2016 pubblica il suo primo romanzo, edito da “Linee Infinte” intitolato “LA SETTA DELLE TRE ERRE”.

RECENSIONE
Si legge in questo racconto un intreccio di realtà e surreale, un noir dall’incisiva performance, in cui si possono , leggendo, ben individuare e “vivere” le situazioni, le sensazioni e le emozioni dei personaggi che vivono all’interno dello scritto. Situazioni , scene, e momenti in cui si passa dall’illusione del bene alla realtà del male, dell’inquietante, e di quel “non so che” di sconosciuto, che impaurisce in quanto a volte mai vissuto, spazia dal momento di curiosità per il luogo che gli stessi personaggi stanno visitando, al momento di ansia, per ciò che invece trasmette ad un certo punto una presenza inaspettata. Ambientato nella bellezza di un Castello posizionato in cima al piccolo paese di Gradone, possiamo assaporare la meravigliosa essenza dell’antico castello per passare al mistero che lo avvolge nelle sue profondità. Incuriosisce il lettore con momenti di suspance che si susseguono, e porta alla curiosità di conoscere la scena che segue, per capire il volgersi della vicenda nonché il finale. I due protagonisti con il resto dei turisti rimangono quindi intrappolati dalla “splendida creatura” Eleonora , che ha guidato tutti a conoscere la sala delle torture, avvolti da una coltre di nebbia “strana”. Ma che succederà dopo ? Continuate a leggere … “Poche storie” dell’autore Stefano Uggè e lo scoprirete! La sua particolarità da buon scrittore di libri Noir, è proprio quella di rapire il lettore “scaldando” la lettura tra il reale ed il surreale in modo molto semplice ma quasi veritiero, da quindi la possibilità di lasciare scorrere la fantasia di ognuno. Rimarrete sicuramente stupefatti da questa raccolta che distoglie dal resto, e ci fa porre l’attenzione esclusivamente su ciò che stiamo leggendo. Quindi a tutti buona lettura !
Editor Recensionista Lara Bellotti