Intervista a Serafina Salvati “Le oscure tenebre del mistero”

leoscuretenebre

Nel recensire il suo romanzo, ho avuto il piacere di approfondire la conoscenza di questa autrice: Serafina Salvati, donna molto sensibile e con una capacità trasmissiva molto evidente se pur attraverso un romanzo del genere Fantasy.
Le ho fatto quindi questa breve intervista, non solo perché amo andare oltre a ciò che può essere una recensione, ma perché credo che in ogni autore ci sia un’anima che ha sempre molto da dare, e quindi ecco la nostra Serafina Salvati che in modo molto sereno e con un po’ di emozione per il suo esordio, si presenta così … in maniera semplice. (Lara Bellotti Agente letterario)

Ciao Serafina, parlaci di te , del tuo percorso di scrittura, come nasce la tua passione?

La mia passione per la scrittura è nata moltissimi anni fa quando , sul mio libro di terza elementare, lessi una bellissima storia di un buffo e simpatico cagnolino e del suo padrone . Mi divertii e mi commossi così tanto da voler continuare a provare tali emozioni arricchendole con la mia fantasia . Da quel giorno cominciai a scrivere storie fantastiche che sono rimaste sempre chiuse in un cassetto fino a quando , nel 2009 , ebbi l’idea di cominciare ad elaborare qualcuna delle mie storie provando la strada della pubblicazione.

Hai scritto questo bellissimo fantasy “ Le oscure tenebre del mistero” come è nato l’inizio di questo libro?

Tra le mie storie fantastiche racchiuse nel cassetto una parlava di mostri cattivi che tormentavano una bambina fatata. E’ sempre stata una delle mie preferite e circa un anno fa mi sono resa conto che scalpitava per uscire fuori dal cassetto dei miei sogni . Ho preso la storia , l’ho elaborata con la mia fantasia e , pian piano , ho visto nascere sotto i miei occhi questa nuova creatura : “ Le oscure tenebre del mistero”.

L’opera è molto indicata sia per i ragazzi che per i lettori adulti, quale messaggio vuoi dare ai lettori?

Il messaggio che voglio dare è che la vita , a volte , ci fa provare delusioni, paure , angosce, scoraggiamenti e non si è in grado di affrontare tutto questo perché si sta immobili ad aspettare che la soluzione arrivi dall’esterno . Tutto nella vita si può affrontare guardando dentro di noi . E’ solo dentro di noi ,infatti , che possiamo trovare la soluzione a tutto perché l’essere umano ha molteplici capacità dentro di sé , basta solo soffermarsi un attimo per scoprirle.

Ci sono descritte vicissitudini molto particolari, a tratti quasi fiabesche, cosa ha voluto dire per te la stesura di questa opera?

Ho voluto creare una fiaba diversa dalle altre , una fiaba lontana dagli schemi fiabeschi e dove fantasia e realtà si mescolassero insieme per dare vita ad un unico elemento narrativo .

Secondo l’epoca in cui ci troviamo, credi sia meglio un formato cartaceo oppure pensi il pubblico sia pronto già per acquistare più il digitale (E-Book) rispetto al sentire l’odore della carta?

Il mondo attuale non vuole rinunciare al progresso e gradisce usare la versione e- book . Nessun lettore, però , sa rinunciare al piacere di sfogliare le pagine di un buon libro seduto sul divano , assaporando quella sensazione particolare che si prova solo toccando la carta con le dita . Quell’odore di carta che ci rimanda a quando , da piccoli , felicissimi , leggevamo o ascoltavamo quelle storie che ci facevano sognare e immergere in mondi fatati che ci appassionavano più di ogni altra cosa.

Parlaci delle tue aspirazioni, nuovi progetti, hai già qualcos’altro in corso di scrittura per stupire ancora i lettori?

Mentre scrivevo “Le oscure tenebre del mistero “ mi vedevo materializzare davanti i paesaggi e i personaggi come se fossi stata a vedere lo scorrere delle immagini sullo schermo di una sala cinematografica . Mi piacerebbe che tutto ciò si materializzasse davvero e che un giorno possa esserci un film tratto dal mio libro e che mi permetta di provare quelle stesse emozioni di quando lo scrivevo facendole provare anche ad altri. Durante la stesura si sono intrecciate diverse vicissitudini che riguardavano la vita di Gelso. Nel libro “Le oscure tenebre del mistero “ ne ho raccontate solo alcune , riservandomi il piacere di riservarne altre nel seguito di questo romanzo . Nel sequel stupirò ancora di più il lettore perché la prossima volta Gelso dovrà affrontare qualcosa che ha fatto solo da contorno ne “Le oscure tenebre del mistero “ e che , nella prossima avventura di Gelso , diventerà co- protagonista .

Ringrazio Serafina Salvati per questa bellissima opportunità, e soprattutto per la sua gentilezza innata, i miei complimenti ancora per questa opera, e ora attendiamo il seguito!!

Lara Bellotti agente letterario
([email protected])