Recensione libro “Se fosse un quadro lo chiamerei SEHNSUCHT”

Autrice Barbara Zanoni

A cura di Lara Bellotti

Link D’acquisto

Descrizione
La storia di Lawinia è un po’ particolare, potrebbe in qualche senso assomigliare a quella di Alice nel Paese delle Meraviglie. Lawinia vive nel suo piccolo mondo da tanti anni. Un giorno viene magicamente catapultata nella bellissima città di Parigi. Lì incontra un essere straordinario che sembra avere poco di terreno. Sapeva leggere nell’anima e ascoltare i battiti del cuore. Lo chiamerà per sempre Petit Prince. Lawinia rimane incredibilmente affascinata dalla sua magia, intelligenza e passione. Assieme affrontano altri viaggi in altri luoghi sospesi nel tempo. Sono viaggi dove i due protagonisti scandagliano i lati più nascosti e profondi dell’animo umano dove ragione e passione sembrano camminare all’unisono anche se solo per qualche istante. Il libro vuole anche essere un inno alla vita, all’amore e alla felicità.

RECENSIONE:
Ho ricevuto un dono, uno di quelli che ti fa commuovere perché ti ci rispecchi dentro, e le emozioni sono così vive, che mi è sembrato di leggere me stessa. Un libro, sì, ma chiamarlo così è riduttivo.
“Se fosse un quadro lo chiamerei SEHNSUCHT”, è un testo che “mi ha portata via” e l’ho divorato in due ore; pagina per pagina, parola per parola, mi ha portata così tanto dentro me stessa che non potevo fare a meno di scrivere qui queste emozioni. Un libro che non arriva per caso, un’autrice che, in realtà, per ora non conosco personalmente, ma che mi ha regalato con il suo scrivere una dose di ricordi miei che, quasi sicuramente, sono anche suoi, ed attraverso i quali ho raggiunto nuove riflessioni. Se mentre leggiamo un libro sentiamo le emozioni che dalla pancia vanno alla gola, per raggiungere il cuore, allora tutto questo va decisamente messo in luce.
Ho fatto un viaggio con lei nei meandri della vita, della mente, del cuore, ma soprattutto dell’Anima.
Barbara Zanoni, con questa sua terza pubblicazione, ha inciso su carta frammenti di vita, momenti bui che diventano luce, introspezione profonda, e tanta consapevolezza. Il NON porsi delle domande con questo libro è impossibile, e le risposte sono tutte dentro di noi. Così come Lawinia, la protagonista di questa storia tra sogno e realtà, è riuscita a fare: ha trovato le sue risposte, e ne ha fatto il suo cambiamento, la sua svolta.
Insicurezze, solitudine, paure, la lotta tra mente e Anima è sempre in agguato nell’essere umano, e la protagonista è una Donna che ha saputo farsi le giuste domande, dandosi le risposte con lo scorrere del tempo, dandosi accettazione ed amore di sé.
Il testo di Barbara scorre, come un fiume in piena, che a tratti diventa calmo, così come fa il mare.
L’acqua, è uno degli elementi più importanti, è energia fluente, è il femminile, e nello stesso tempo se la sappiamo seguire, e la sentiamo dentro, possiamo sentire nel suo scorrere quella stessa vita limpida e divina che c’è in noi. Questo è solo uno degli aspetti che mi ha colpita, potrei continuare… ma scrivo qui una delle tante citazioni che mi hanno donato introspezione ed emozione:
CIT. “Non sai cosa troverai dietro quella porta, perché nulla esiste ancora, ogni cosa si creerà per te solo nel momento in cui oltrepasserai quella soglia.”
CIT: “Il materiale più forte che esista non è il grafene, né il diamante, ma l’anima resiliente, un cuore che ha cucito con un filo dorato le ferite più gravi inflitte dalle avversità.”
L’autrice ha uno stile semplice e molto fluido, e con la stessa semplicità fa arrivare al cuore dei sobbalzi che offrono al lettore un modo certo per tuffarsi in sé stesso, elaborando sicuramente in seguito, anche solo un minimo cambiamento alla sua vita. L’epoca in cui stiamo vivendo ha bisogno di messaggi forti, veri, decisi e vissuti, e come dico sempre: a volte un libro può salvare una vita, può ridurre in polvere un disagio, e può far riemergere in noi quello che Siamo, invece di rimanere in quello che crediamo di essere: le nostre trappole mentali.
Nemmeno il titolo è scontato: SEHNSUCHT ha diversi significati, ma in questo caso non mi dilungo e racchiudo il tutto, in questo: la personificazione dei sentimenti umani. Sono tanti, come sono tante le sfumature dei sentimenti e delle emozioni racchiuse in questo scrigno prezioso chiamato: “Se fosse un quadro lo chiamerei SEHNSUCHT.”
DAL TESTO:
“Sono pronta a guardarmi come mai mi sono vista?”
Vi auguro non solo una buona lettura, ma anche di provare tutte le emozioni racchiuse in questo libro luminoso.
BIOGRAFIA AUTRICE:
Barbara Zanoni, nasce ad Arco in Trentino. Laureata in lettere e letterature straniere, è al suo terzo libro, dopo “Riflessi di un’Anima del 2004, “Non voglio Prigioni ma baci e Girasoli” del 2005.
Ringrazio l’autrice, e voi lettori che ci seguite.

Lara Bellotti
Consulente Editoriale-Editor